QuadriProject.com

Copiare accordi di successo

Un rappresentante dei Radiohead ha negato che sia in corso una causa, e non si capisce bene chi dica la verità: ma si è parlato comunque molto di questa storia e di chi abbia ragione.

lavorare per i pigri su Internet senza investimenti

Quello che va sempre tenuto presente è che le note sono solo sette in realtà sono dodici: valgono anche i diesis e i bemolle : è vero che possono essere combinate tra loro in modi infiniti ma la musica occidentale, e ancora di più la musica contemporanea, e ancora di più la musica pop e rock, ha costruito canoni e standard che sono ormai congeniti in chiunque.

È possibile, e anzi è frequente, che due artisti compongano melodie simili in maniera totalmente indipendente: perché copiare accordi di successo loro gusto e la loro sensibilità musicale hanno qualcosa in comune che li ha portati a scrivere e a trovare bella una cosa simile.

Anche qui ci sono eccezioni e zone grigie, ma in generale per campionare una canzone di un artista bisogna chiedergli il permesso.

A volte le accuse di plagio nella storia sono state ignorate, altre volte hanno avuto come risultato un accordo privato tra le due parti per una compensazione economica. E poi ci sono casi in cui le due parti non trovano un accordo, o chi è accusato di plagio respinge le accuse: in quel caso inizia un processo. Abbiamo raccolto 15 casi di plagi musicali, concreti o presunti tali, raccontando la storia delle accuse e delle eventuali conseguenze legali. Si scopre che Tom Petty era una persona molto, molto cordiale, e che a volte i processi furono assurdi: come quello per il quale Michael Jackson dovette presentarsi alla pretura di piazzale Copiare accordi di successo, a Roma, per difendersi dalle accuse di Albano Carrisi.

La sentenza fu una delle più severe di sempre: Thicke e Williams dovettero pagare 5,3 milioni di dollari alla famiglia di Gaye, e devolverle il 50 per cento dei diritti sulla canzone.

CERCA ARTICOLI

Raggiunsero facilmente un accordo, con Petty e Lynne che ottennero il 12,5 per cento dei diritti della canzone di Smith. Ci mise addirittura i due accordi di pianoforte che concludono ogni giro del riff di basso.

guadagni su Internet con pagamento giornaliero

Poi disse che scherzava, ma i Queen e Bowie gli fecero causa lo stesso. Ovviamente vinsero, anche se non si sa quanto abbiano ottenuto. La band fece causa agli Oasis, e ottenne una compensazione di mila dollari.

opzioni più ampie

Ma lo infransero utilizzandone un estratto più ampio, almeno secondo i Rolling Stones. I Verve furono molto sfortunati, perché si videro portare via tutti i ricavati della loro canzone più famosa: dovettero devolverli tutti a Allen Klein, ex manager dei Rolling Stones che aveva fatto loro causa, come guadagnavano i ricchi aggiungere Mick Jagger e Keith Richards nei credits della canzone.

La canzone fu utilizzata in una pubblicità di Nike senza il loro consenso, e quando fu nominata a un Grammy i nomi che la accompagnarono furono quelli di Jagger e Richards.

Musica & Memoria / La musica e i diritti di copia

Alla fine il pretore diede ragione a Carrisi, e Jackson fu costretto a pagare quattro milioni di lire, dei cinque miliardi chiesti inizialmente. Nei loro primi concerti facevano spesso anche delle sue cover. In realtà le note in questione sono soltanto cinque, nemmeno troppo uguali, e non fu preso molto seriamente.

opzione confine dovè

È un paragone forzatissimo, perché le canzoni si assomigliano davvero poco: ma è molto istruttivo per capire i rischi del voler trovare plagi dove in realtà non ci sono, e quanto sia facile che due melodie simili siano composte in maniera totalmente indipendente. Il passaggio è al minuto 0.

Lascia un commento

Allora chiesero al musicista Ray Parker Jr. Lewis fece causa a Parker, e i due trovarono un accordo che si impegnarono a non rivelare mai. Anche in questo caso, lui non ne fece una grande questione: disse che non pensava di fare causa, che credeva non ci fossero cattive intenzioni e che comunque molte canzoni rock si assomigliano.

Disse che capiva Stevens, anche se pensava non avrebbe fatto molti soldi con i loro diritti.